Blog

Il futuro di Autodesk BUILD

Lo sviluppatore di software miliardario Autodesk punta a una partecipazione ancora più grande nel settore dell’edilizia con iniziative in materia di automazione, apprendimento automatico e gestione e scambio di dati, tutto guardando all’innovazione del design in azione.

Autodesk è il principale fornitore di software del settore AEC, con i suoi cavalli di battaglia AutoCAD e Revit che forniscono la base per la maggior parte della produzione di studi di architettura domestica. Ma anche con oltre 200 milioni di utenti e un fatturato previsto per il 2018 di oltre 2 miliardi di dollari, Autodesk non sta riposando sugli allori.

L’azienda con sede a San Rafael, in California, si sta rapidamente evolvendo per “fare di più, meglio, con meno”, come ha dichiarato il presidente e amministratore delegato Andrew Anagnost presso l’Autodesk University a novembre. “Crediamo che gli esseri umani e la tecnologia, sia che si tratti di robot o di Revit, possono realizzare molto più lavoro insieme che lavorare da soli”.

Il “di più” in questa affermazione include progetti nel cloud computing, progettazione generativa guidata dall’intelligence artificiale e apprendimento automatico, oltre al nuovo spazio Autodesk BUILD (Building, Innovation, Learning and Design), incubatore a Boston, dove l’azienda ha un’invidiabile visuale iniziale sui modelli e gli strumenti futuri della pratica del design. Da ottobre 2016, BUILD ha ospitato iniziative di ricerca di circa 500 persone provenienti da 70 scuole di architettura, start-up e studi di progettazione. Gli utenti ottengono spazio e accesso a materiale high-tech, incluse stampanti 3D, fresatrici CNC, robotica e risorse di calcolo, gratuitamente.

In cambio, lo staff di Autodesk è in grado di osservare e intervistare i residenti di BUILD mentre “capiscono come eseguire le idee”, afferma il direttore senior di Autodesk e lo stratega della tecnologia e dell’innovazione Rick Rundell. “L’obiettivo è capire come utilizzare i nostri strumenti.” Tutti gli occupanti utilizzano il software nel loro lavoro, che ha spaziato dalla programmazione, all’automazione, alla stampa 3D di ceramica e cemento e alla fabbricazione su vasta scala di connessioni in legno a molti piani. Tuttavia, come Rundell aggiunge rapidamente, non sono limitati ai prodotti dello sponsor. Infatti, spiega, “è interessante vedere come usano gli strumenti non-Autodesk”.

Adottando lo spazio del produttore e i suoi negozi di legno e metallo con gli ultimi strumenti industriali e di fabbricazione, Rundell afferma che Autodesk sta rimuovendo parte delle elevate quantità di rischi e investimenti necessari per la costruzione di ricerca e sviluppo. “Quando ero in pratica”, ricorda, “abbiamo realizzato disegni da software”. Ora gli architetti possono guidare le macchine che fanno di tutto, dai prototipi ai prodotti finiti, una direzione che vede prendere più pratiche di progettazione. Tutto ciò si allinea alla scommessa dell’azienda, come ha osservato Anagnost presso l’Autodesk University, che l’automazione darà ai progettisti “l’opportunità di fare di più … [e andare] dalla progettazione alla creazione, con la semplice pressione di un pulsante”.

Autodesk sta già espandendo l’impronta di BUILD a Boston e sta facendo leva su partnership industriali per fabbricare parti del nuovo spazio. “Le macchine a controllo numerico stanno spuntando sul posto” e operano sotto la guida delle direzioni digitali dei progettisti, afferma Rundell. Il processo sottolinea il suo consiglio ai professionisti di abbracciare le interruzioni di se stessi. “Gli architetti non potranno permettersi di lasciare mezzi e metodi ai costruttori”, dice. Ed è qui che BUILD offre ad Autodesk un altro vantaggio nel settore.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi