Blog

HP sviluppa la stampante Envy Zero-gravity per l’ISS – Stazione Spaziale Internazionale

Nello spazio nessuno può sentirti stampare, a meno che, naturalmente, non si stampi all’interno di una stazione spaziale. Ma la possibilità di stampare richiede alcune modifiche hardware specifiche. Questo potrebbe essere il motivo per cui le stampanti utilizzate a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) hanno 17 anni. La NASA ha infine deciso di aggiornarli e HP ha vinto il contratto per farlo.

La NASA ha dovuto sostituire le stampanti molto vecchie a bordo ISS e HP è stato selezionato per fornire nuovi prodotti a seguito dell’elevato successo, lo scorso anno, delle 120 workstation ZBook alla stazione spaziale.

Il modello di stampante scelto è l’HP Envy 5600, ma non è la normale stampante Envy all-in-one del produttore ed è stata ribattezzata la stampante HP Envy Zero-Gravity.

Per permettere alla NASA di tracciare una stampante a una navicella spaziale e inviarla all’ISS, HP ha eseguito alcuni aggiornamenti di sicurezza per l’utilizzo in un ambiente a gravità zero. I requisiti sono i seguenti:
– Gestione della carta in zero-G
– Plastica ignifuga
– Gestione dell’inchiostro residuo in zero-G
– Rimozione di vetro
– Connettività cablata e wireless
– Stampa in più orientamenti
– Prova ambientale

HP ha trovato i requisiti per gravità zero “i più impegnativi per soddisfare e verificare”, ma il team di sviluppo ha avuto successo grazie all’utilizzo della stampa 3D con materiali specializzati. Nel processo di modifica della stampante, HP ha rimosso le funzioni di scansione, copia e fax e dei componenti di vetro. La stampante finale non era solo conforme alla NASA, ma molto più leggera dell’originale.

Come spiega Rory Alsop su StackExchange, le stampanti sostituite in ISS sono l’Epson Stylus Color 800. Essi funzionano in zero-G senza molte modifiche a causa del modo in cui le cartucce d’inchiostro hanno funzionato “per l’attrazione capillare da una spugna di immagazzinaggio nella cartuccia e quindi vaporizzazione alla testa di stamp “.

Il problema più grande da superare, secondo Rory, è l’alimentazione cartacea a causa della mancanza di gravità. Sembra che HP abbia risolto il problema di alimentazione carta attraverso le nuove parti di stampa 3D che non troveremo nelle versioni terrestri delle stampanti Envy.

La NASA intende inviare le stampanti di ricambio a ISS nel corso del 2018 e, secondo HP, saranno consegnate utilizzando lo SpaceX.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi