Blog

VR, AI e Progettazione Computazionale : i nuovi flussi di lavoro a cui guarda l’innovativa serie Z di workstation HP

HP ha presentato tre modelli di workstation desktop (come visto nei precedenti articoli) che Xavier Garcia, direttore generale e responsabile globale di stazioni di lavoro per HP, definito “il più potente PC nel portafoglio HP”. Le completamente riprogettate Z8, Z6, e Z4 prenderà il posto delle Z840, Z640 e Z440 nella struttura workstation HP.

I nuovi modelli sono stati progettati con la guida di tre obiettivi primari: prestazioni, affidabilità e “design intenzionale”. (Quest’ultimo, ha spiegato Garcia, significa che il team HP considerava “ogni singolo angolo, ogni singola caratteristica” di questi prodotti per ottimizzare l’accesso ai componenti e ad altri aspetti di utilizzo.

Oltre ai flussi di lavoro che attualmente definiscono i requisiti per la potente desktop computing – ivi compresa la simulazione, il rendering e effetti visivi – HP ha progettato le nuove stazioni di lavoro con un occhio verso “nuovi flussi di lavoro che stanno aumentando in importanza in questo mercato”, ha detto Garcia. Questi includono:

– Realta virtuale. Garcia ha osservato che VR è una “zona molto importante su cui HP sta per concentrarsi.” Sia la creazione e l’esplorazione di ambienti VR sono molto esigente in termini di potenza di calcolo, con la necessità di importare enormi quantità di dati, di elaborarla e di trasmettere esperienze ad alta risoluzione ad un elevato frame rate.

– Apprendimento automatico/apprendimento profondo/intelligenza artificiale (AI). Come la realtà virtuale, l’apprendimento macchina comprende molteplici fasi che richiedono un elevato potere di calcolo. Garcia ha spiegato: “L’apprendimento automatico ha due processi diversi, due differenti fasi: lo sviluppo dell’apprendimento, del processo in sé e l’implementazione di tale conoscenza”.

– Progettazione avanzata/progettazione computazionale. HP utilizza questi termini per i processi di progettazione digitale non tradizionali, tra cui la progettazione per la stampa 3D e processi in cui l’ingegnere definisce i vincoli, le proprietà e i requisiti di un progetto, quindi consegna l’onere creativo al software. HP definisce la “progettazione computazionale” come “l’applicazione di strategie computazionali al processo di progettazione per risolvere i problemi, lavorare in vincoli e risolvere l’efficienza.” Queste tecnologie richiederanno sempre più potenza di calcolo, secondo Garcia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi